Maggia

Nel nucleo di Maggia, sede del municipio del nuovo comune, si possono ancora individuare numerose testimonianze della vita passata dei suoi abitanti. Diversi affreschi, risalenti al XVII e XVIII secolo, impreziosiscono il villaggio in cui non si può fare a meno di visitare la chiesa della Madonna delle Grazie, piccolo gioiello locale.

Maggia e la chiesa della Madonna delle Grazie

La chiesa dedicata alla Madonna delle Grazie è l'eccezionale attrattiva del villaggio di Maggia. L'interno è riccamente decorato con affreschi rinascimentali e dipinti votivi del pittore Giovanni Antonio Vanoni.

Itinerario della Valle del Salto

Una magnifica escursione circolare lungo la quale si possono ammirare maggenghi, tratti di sentiero lastricati o acciottolati, belle scalinate, passaggi scavati nella roccia e numerose splendide costruzioni in sasso.

Il fiume Maggia e il paesaggio fluviale

Uno dei paesaggi alluvionali più selvaggi della Svizzera e tra i più maestosi d'Europa. Un affascinante territorio dove l'impetuosa dinamica alluvionale ha permesso la creazione di diversi ambienti naturali di elevato valore paesaggistico, naturalistico e ricreativo.

Vigneti e vino

Oltre l'80% delle superfici viticole della Vallemaggia si trova sul territorio del comune di Maggia: a monte o accanto ad ogni villaggio vi sono numerosi ronchi, spesso terrazzati e recintati con muri a secco, dove la vigna è coltivata a pergola.